DiRE

Ottobre 2017

L'ARCHITETTURA CONTEMPORANEA
INVADE LA CAPITALE

Il nuovo complesso direzionale Ibm alla Fiera di Roma. Il quartier generale della Angelini sulla Tuscolana. Le tre torri per il rettorato di Roma Tre sull’Ostiense. Il raddoppio dell’Eni a Castellaccio. Dopo la ‘Nuvola’ di Fuksas o il Maxxi di Zaha Hadid, l’architettura contemporanea a Roma muove faticosamente i suoi nuovi passi. E lo fa grazie a grandi aziende private, università ed enti di ricerca, realtà desiderose di moderne e prestigiose sedi di rappresentanza.

Orfana dei tre grattacieli disegnati da Daniel Libeskind, che sarebbero potuti sorgere a fianco al nuovo stadio della Roma, la Città eterna, a fatica, prova comunque a trovare nuove forme per il suo tessuto urbano. Il primo dei grandi interventi in corso riguarda il nuovo quartier generale dell’Ibm in Italia: lo studio Z14 ha firmato il progetto di tre affusolati edifici, di 6 piani, rivestiti di vetro e collegati da ponti sospesi. Il cantiere è in corso da più di un anno accanto all’ingresso nord della Fiera di Roma e si concluderà nel 2019.

Fa le cose in grande anche Angelini, la multinazionale romana attiva nel campo della farmaceutica. Per la sua nuova sede, che sorgerà al posto di un edificio di sua proprietà in via Amelia, zona Tuscolana, si è affidata allo studio romano Transit che sta costruendo da diversi mesi un complesso destrutturato con forme asimettriche ed edifici poliformi.

Sempre lo studio Transit ha disegnato il nuovo edificio dell’Eni nel complesso direzionale Eur-Castellaccio, un edificio basso in costruzione sotto il grattacielo dell’ex Provincia. L’università Roma Tre si è invece affidata alla matita dello studio Mario Cucinella per la sede del nuovo rettorato e del nuovo Dams. Sono in corso i lavori di demolizione delle preesistenze e a breve sorgeranno tre torri dalla forma ovale e dal rivestimento di cristallo posati su una ‘piazza telematica’ di due livelli.

In attesa della nuova sede Istat a Pietralata, per cui si attende il concorso di progettazione internazionale entro l’estate 2018, completano il quadro della nuova architettura contemporanea a Roma il noto progetto di Dan Meis per lo stadio della Roma e la nuova sede Bnl, dello studio 5+1AA appena inaugurata, a due passi dalla stazione Tiburtina.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
share this news